Lunedi - 25 Settembre 2017 - ore 20:38      
bioterapia e tipologie allergiche

Sezione: / Bioterapia e tipologie allergiche

Tipologie Allergiche

QUATTRO TIPI DI ALLERGIA

Allergie respiratorie allergia al polline degli alberi e delle erbe, agli animali (domestici e da fattoria), ai micofiti, agli acari che solitamente colpiscono il sistema respiratorio causando starnuti, prurito, fanno lacrimare gli occhi, colare il naso, rendono il respiro faticoso. Rinite e asma sono le più comuni manifestazioni di malattie respiratorie.

Allergie della pelle causata da sostanze come metalli e profumi o proteine come il lattice che provoca lesioni alla pelle, nota come eczema allergico o allergia da contatto. La più comune è probabilmente l'allergia al Nickel. I sintomi sono solitamente prurito, bruciore , arrossamento e bolle nell'area affetta . L'eczema allergico si verifica nella maggior parte dei casi nel periodo della prima infanzia, ma può anche manifestarsi in bambini già cresciuti o negli adulti .

Allergia al cibo si manifesta in molti modi come ad esempio eczema, diarrea, nausea, gonfiore della gola, ipotensione e nel peggiore dei casi si manifesta tramite anafilassi. I più comuni cibi che causano allergia sono il latte di mucca, le proteine delle uova, la soya , arachidi e pesce .

Allergia agli insetti l'allergia alle punture di insetto si manifesta attraverso una severa reazione locale cutanea o in modo più generalizzato come debolezza, capogiro, ipotensione, gonfiore della gola e nel peggiore dei casi anafilassi. Vespe e api sono più o meno la causa di tutte le allergie alle punture di insetto .

L'IMPORTANZA DEL SISTEMA IMMUNITARIO DELLE MUCOSE

Appare quindi evidente come sia importante il ruolo del nostro sistema immunitario ai fini di una buona, forte risposta agli allergeni, se consideriamo come si svolge il meccanismo dell'allergia.

Recentemente la medicina integrata, quella cioè che cerca un punto di accordo tra terapie allopatiche ed omeopatiche (o comunque alternative) ha posto molta attenzione ad un buon funzionamento del così detto MIS, acronimo di Sistema Immunitario Mucosale.

Si tratta dell'insieme di vari distretti mucosali in cui esso è stato differenziato per semplicità, e cioè:

NALT, nasalpharyngeal associated lymphoid tissue

BALT, bronco associated limphoyd tissue

GALT,Gut (intestino) associated limphoyd tissue

E ad essi si aggiunge il SALT, Skin (pelle) limphoyd associated tissue.

Una sana e corretta attività di questi distretti è regolata dai probiotici, cioè da microorganismi che assolvono a favorire le funzioni di immuno modulazione. I probiotici colonizzano il MIS, e sembra che l'allattamento al seno materno sia la prima e più importante modalità di colonizzazione quantomeno per il GALT .

Affinchè il sistema immunitario funzioni bene, è importante mantenere in condizioni di equilibrio l'ambiente delle mucose a cui è associato, e questo avviene grazie a fenomeni di regolazione della acidità / basicità dell'ambiente stesso.

La carenza di probiotici provoca squilibri nei vari distretti, ed in definitiva una caduta di difese immunitarie, con evidenti aspetti di maggiore sensibilità alle infezioni ed alle allergie.

Sta di fatto che, se la risposta immunitaria è insufficiente, si verificano infezioni, in modo particolare infezioni micotiche (candidosi, per esempio) se invece la risposta immunitaria è eccessiva, si verificano tutte le espressioni che caratterizzano le allergie.

Questi aspetti dell'attività del MIS sono oggi oggetto di numerosi studi.

Il maggior numero di articoli e pubblicazioni che ho trovato è stato relativo al GALT, il tessuto linfoide correlato all'intestino, probabilmente perché dei quattro è il più esteso, però è evidente il coinvolgimento di tutti i distretti del sistema immunitario nei trattamenti proposti per la cura dell'allergia.

E' intuitivo a questo punto pensare all'estrema importanza della corretta colonizzazione del GUT:, di conseguenza, all'importanza dell'alimentazione, all'importanza del drenaggio, cioè della pratica della “pulizia” che dovrebbe sempre essere attuata prima di un trattamento omeopatico, anche se ci riferiamo alle allergie che sono (a questo punto possiamo dire solo apparentemente) connesse con sintomatologie respiratorie.

Inoltre, vale la pena di ricordare che il fenomeno delle allergie crociate tra alimenti e allergeni, al di là della mera spiegazione chimica (alimento che favorisce la liberazione dell'istamina), potrebbe riscontrare una valida risposta anche alla luce degli studi sul MIS.

Bibliografia: PNEI psiconeuroimmunologia Francesco Bottaccioli Red Edizioni

Il sisitema immunitario bilancia della vita Bottaccioli

ed Tecniche nuove

erboristeria

prodotti