Sabato - 15 Agosto 2020 - ore 03:32      
erbe officinali

Sezione: / Erbe officinali

Galega

pianta conosciuta sin dall'antichità per le sue virtù galattogoghe , in combinazione con altre erbe ad azione sinergica quali Anice Finocchi Carvi rappresenta la miglior soluzione per favorire la produzione di latte per il nutrimento del neonato umano.   Purtroppo alcuni autori quali il Prof Firenzuoli esperto di Fitoterapia Clinica presso l'Università di Firenze si presentano come detrattori di tale  funzione citando il testo Fitoterapia del suddetto autore  " è quindi utile sottolienare che proprio alla Galega sono stati attribuiti casi di intossicazione in animali i quali, dopo essersene nutriti hanno presentato dispnea,schiuma alla bocca ,accessi di tosse e morte "   Vorrei far notare che delle moltissime donne che hanno usato al galega durante l'allattamento non sono stati citati casi di intossicazione ne per la mamma ne per il neonato . 

Vorrei inoltre chiarire due aspetti fondamentali circa le opinioni  del suddetto Professore, in primo luogo sulla opinione  che la Galega stessa non sia una pianta officinale visto che : tutte le le piante officinali usate , sia come tali che come estratti , contengono dei principi attivi e  di fatto  tutti i principi attivi per definizione presentano una dose terapeutica e una dose tossica . Questa osservazione si basa sul fondamento stesso della terapia farmacologica Farmaco è un vocabolo greco e significa veleno.

Sulle supposizioni dettate nel testo citato non è chiaro quanta Galega è stata assunta dagli animali intossicati , non è nemmesno definita con certezza la causa stessa ; di fatto quindi i dati rilevati non hanno nessun fondamento scientifico. Qualora si volesse determinare la tossicità occorrerebbe valutarla in un test con dosaggi prestabiliti , osservarne in seguito il decorso ma questa operazione , non è stata compiuta . Occorre quindi definire la dose terapeutica e la dose tossica ; come dettato dall'evidenza la Galega presenta un alto indice terapeutico , potendosi definire assolutamente sicura alle dosi utilizzate . 

 Gli animali che presentarono fenomeni tossici  , hanno assunto pianta fresca in fase di fioritura ; da studi attuati sia da Lecler che da Inverni e Della Beffa come riportato anche dalla Camapanini nel suo Dizionario di Piante Medicinali  risulta che la tossicità è collegata alla in fase di fioritura  viceversa : l'uso umano si riferisce alla pianta essiccata , questo aspetto non è di poco conto , molte sostanze presenti nella pianta fresca si  decompongono durante l'essiccazione .   Il tempo balsamico  ovvero il periodo di raccolta per l'uso medicinale si riferisce infatti al periodo precedente alla fioritura .

 Rimane di fatto l'evidenza di un risultato positivo nell'assumere la Galega durante l'allattamento , ben sappiamo come il latte materno sia l'alimento fondamentale per il neonato ,non solo per la crescita fisica ma anche per il futuro del bimbo stesso . Sappiamo con certezza che il bimbo nutrito al seno ha un sistema  immunitario più efficiente , le funzioni vitali sono e saranno più attive  per tutta la vita ; questa scelta della madre accompagnerà positivamente la vita dell'uomo allattato al seno sia sul piano fisico che sul piano psicologico . 

Per le ragioni citate ritengo quindi fuori luogo la criminalizzazione della Galega come galattogogo , o se vogliamo : non c'è nessuna evidenza che possa far pensare a delle limitazioni nell'uso come tale . Sarebbe comunque meritevole attuare uno studio scientifico serio sui principi attivi della Galega e sulle loro attività terapeutiche compresi gli indici di tossicità , valutando sempre però che la pianta deve essere considerata in toto , non solo in relazione ai singoli componenti separati ; ci si deve riferire alla pianta essiccata e prima del periodo di fioritura .

   

 .  

 

 

 

 

 

prodotti